Alone solare

L’alone solare è un caratteristico ed affascinante fenomeno ottico appartenente alle fotometeore (dal greco phos “luce” e meteora “che sta in alto nell’aria”).

Tale fenomeno si manifesta con l’apparizione di uno o più raramente di due anelli luminoso attorno al sole, generati dalla rifrazione della luce emessa dall’astro da parte di piccolissimi cristalli di ghiaccio, con l’aspetto di colonne esagonali, costituenti cirri e cirrostrati (nubi alte, quasi trasparenti).

Due sono le tipologie di aloni. Quello più comune, con raggio di apertura angolare di 22°, chiamato alone 22° (o piccolo alone o alone interno), è dovuto alla rifrazione della radiazione luminosa da parte dei cristalli di ghiaccio il cui asse di simmetria è orientato in maniera perpendicolare ai raggi incidenti. Quello meno comune è l’alone con raggio di apertura angolare di 46°, chiamato alone 46° (o grande alone o alone esterno), causato dalla rifrazione della luce da parte di cristalli di ghiaccio il cui asse di simmetria è invece orientato in modo perpendicolare ai raggi incidenti.

Alone solare

Tali anelli luminosi tendono ad assumere una colorazione variabile a seconda delle dimensioni dei cristalli di ghiaccio. Piccoli cristalli determinano una colorazione tendenzialmente bianca poiché la rifrazione mescola assieme i colori mente cristalli di dimensioni maggiori provocano una colorazione rossastra nella parte interna del cerchio, bluastra in quella esterna. Poiché per angoli al di sotto di 22° la luce non viene rifratta, il cielo si presenta meno illuminato (più scuro) all’interno dell’alone.

L’alone solare ha anche una certa importanza nelle previsioni del tempo in quanto la loro presenza potrebbe indicare che sulla verticale del luogo in cui si manifestano sono giunti cirri o cirrostrati, nubi alte che di solito precedono di 500/800 km l’arrivo di un fronte perturbato caldo.

Articolo a cura di Paolo Vincenzi


Torna alla Home Page o visita la nostra Pagina Facebook\