Mondaino Dati Principali:

  • Popolazione – 1.367
  • Superficie – 19.84 Km2
  • Densità – 69 Abitanti/Km2
  • Altitudine – 400 m.s.l.m.

Secondo la tradizione, i primi insediamenti nella zona risalirebbero all’età del ferro: già in epoca romana si ipotizza la presenza di un Vicus Dianensis, ovvero di un tempio dedicato alla dea della caccia Diana, posto nelle vicinanze di questo, che con ogni probabilità, doveva essere un luogo ricco di selvaggina e soprattutto di daini. In epoca cristiana, il toponimo sarebbe mutato in Mons Damarum o “il monte dei daini”, poi divenuto Mondaino.

Tuttavia, le scoperte rinvenute negli ultimi 20 anni suggeriscono uno scenario totalmente nuovo: in primis, nelle campagne vi sono tracce di reperti risalenti al neolitico e all’età del bronzo. In secundis, è stata messa in dubbio la corrispondenza tra la località di Mondaino e il toponimo Vicus Dianensis, che sarebbe invece nei pressi dell’antica Ariminum. Cambia anche l’origine del nome Mondaino: Mons Damarum sarebbe un’invenzione tardo-medievale, secondo la diffusissima usanza rivolta a nobilitare le origini dei luoghi, in questo caso riconducendola alla tradizione romana. L’ipotesi filologicamente più credibile risale invece al toponimo gotico Mundawins, derivante da Mund che significa luogo fortificato. Questa ipotesi è avvalorata anche dalla carta topografica disegnata da Leonardo da Vinci, nella quale è indicato col nome di Monda.
Il paese fu soprattutto un avamposto militare atto alla difesa delle zone di confine, come la vicina Montegridolfo, tanto che Mondaino passò di mano fra il comune di Rimini e il ducato di Urbino. L’acme della sua importanza militare e civile si ebbe con l’avvento dei Malatesta, signori riminesi che dominarono la Romagna meridionale e parte delle Marche fra il 1300 e il 1600, che ampliarono il castello e le sue fortificazioni. Le mura esterne prendono l’aspetto attuale nel XVI secolo, con la costruzione dell’odierno muraglione a scarpa, più adatto a reggere i colpi delle artiglierie rispetto alle precedenti mura verticali.

Mondaino fu inoltre il luogo privilegiato, da parte delle due signorìe in lotta, deputato alla firma dei trattati di pace: quello siglato nel 1393 fra Carlo Malatesta e Antonio II da Montefeltro, e quello del 1459 fra Sigismondo Pandolfo Malatesta e Federico da Montefeltro, all’epoca Conte di Urbino, interrotto dopo pochi mesi. In seguito alla sconfitta dei riminesi sul Cesano, nel 1463 il Conte conquista il castello, rimasto quasi indifeso.

Per un certo periodo, Mondaino è governato dai Comneni. Poi, nel 1516, il governatore mantovano Giovanni Muzzarelli, nobile vicino ai Gonzaga, amico del Cardinal Bembo e astro nascente della letteratura dell’epoca, scompare in circostanze misteriose, probabilmente assassinato da quelli di Mondaino.

Le frazioni di Mondaino sono Laureto, Montespino, Pieggia, San Teodoro, Ca’Battistoni, Montepetrino, Rio Salso

Cod. postale47836
Prefisso0541
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT099006
Cod. catastaleF346
TargaRN
Cl. sismicaZona 2 (sismicità media)
Cl. climaticaZona E, 2 669 GG
Nome abitantiMondainesi
PatronoSan Michele Arcangelo
Giorno festivo29 Settembre

Torna alla Home Page o visita la nostra Pagina Facebook