Ponte di confine

Il Ponte di Confine è una passerella che si trova al confine tra San Marino e Italia al km 10,654 della Strada statale 72 di San Marino al confine tra il comune di Coriano (RN) ed il castello sammarinese di Serravalle e si trova tra i centri abitati di Cerasolo (RN) e della curazia sammarinese di Dogana, il più grande centro abitato della Repubblica.

Il lato sammarinese del confine è controllato dalla Guardia di Rocca, mentre dal lato italiano è spesso presente la Guardia di Finanza anche con autovelox fiscali.

Sul Ponte di confine è presente la scritta BENVENUTI A SAN MARINO, ANTICA TERRA DI LIBERTÀ, che è presente in quasi tutti i confini tra Italia e San Marino.

Nel 1993 la Repubblica commissionò all’architetto Giancarlo De Carlo il progetto del ponte che prevedeva anche porte di confine a Gualdicciolo, Cerbaiola, Faetano e Chiesanuova e la costruzione venne terminata nel 1996 e alla presentazione del progetto scrisse:

Il paesaggio edificato circostante è fitto e sregolato, molti corpulenti edifici sono allineati o sono perpendicolari alla strada offrendo un impudico paesaggio di trasandati retri. Al necessario processo di riabilitazione dell’area di Dogana anche la porta collaborerà: perché è ben visibile e quindi può spingere in secondo piano, nella percezione di chi entra e chi esce, le sregolatezze edilizie che le stanno intorno. La sua presenza eloquente può contribuire a cancellare la banalità architettonica circostante.

Giancarlo De Carlo

I quattro occhi di vetro multicolori sono stati disegnati e realizzati con la collaborazione di sua figlia Anna, illustratrice e pittrice che sono stati messi nelle strutture trasversali. Lo studio tecnico è dell’ingegner Giuseppe Carniello.


Torna alla pagina precedente o visita la nostra Pagina Facebook